305

Non è la Chiesa la mia Sposa, la mia continuazione, il mio compimento? Amandola, Mi si ama, ogni sforzo virtuoso l’arricchisce. Chi l’arricchisce Mi arricchisce. Io sono dunque il vostro povero, il vostro sofferente, quegli che ha bisogno di voi. Venite in mio aiuto, come le Sante Donne, durante le mie corse apostoliche: come si adoperavano perché non Mi mancasse nulla! Voi non Mi vedete, tuttavia Io sono sempre in mezzo a voi: la mia Chiesa, il mio Santissimo Sacramento. Il mio culto, e ancora Io, nel prossimo. Potete cercarmi e non trovarmi? Forse che, qui o là, non vi aspetto sempre? Poiché vi amo tanto! Lasciatevi amare e venite incontro al mio Amore. Allora, sarà davvero il Corpus Domini, la mia festa. Sai che non ci può essere interruzione tra il Corpus Domini della terra e quello del Cielo? La processione non si ferma: l’ultimo altare è lassù, il Cuore di Dio, nel quale abitano gli eletti. Canta fin d’ora, ringrazia, adora.